Posts Tagged "Agenzia delle Dogane"

Lo spedizioniere doganale come esportatore autorizzato: una sfida della Manto Shipping

Un traguardo che diventa sempre più vicino grazie alle recenti “aperture” della EU. Ottenere la qualifica di Esportatore Autorizzato anche per gli spedizionieri doganali è un obiettivo concreto e la Manto Shipping & Consulting è in prima linea affinchè diventi realtà. Lo dimostra la nostra relazione presentata alla Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (leggila qui) in cui si analizza punto punto la sostenibilità di questo riconoscimento che agevolerebbe le aziende operanti nel rispetto di tutte le normative vigenti.

NUOVE FUNZIONALITA E SEMPLIFICAZIONE PER IL MODELLO AUTORIZZATIVO UNICO (MAU)

L’Agenzia delle Dogane nella nota n. 203452 del 14 gennaio 2020 comunica di perseguire il percorso di semplificazione già avviato con le nuove funzionalità del Modello Autorizzativo Unico (MAU), rese pubbliche nella nota n. 129980/ru del 1° ottobre.

Viene modificata la sezione “Mio Profilo” del Portale dell’Agenzia delle Dogane per renderla più semplice e fruibile per gli operatori/utenti esterni. Di seguito si elencano le nuove funzionalità che saranno disponibili a partire dal 16 gennaio 2020.

1. Nomina del gestore: modalità di inserimento semplificate.

2. Revisione grafica della stampa della nomina a gestore,

3. Modifiche ed aggiunte ne “Il Mio Profilo”:

– inserimento news, tutorial, note e circolari di riferimento, link alla richiesta di nuove autorizzazioni.

– introduzione della visualizzazione gerarchica in “Richiedi Autorizzazioni”.

– rinomina della scheda “Autorizzazioni Richieste” in “Le mie autorizzazioni”, in cui sarà possibile effettuare anche le deleghe di autorizzazione.

– riorganizzazione della scheda “Autorizzazioni Delegate” adesso più accessibile la consultazione.

4. Introduzione di una procedura semplificata per i cittadini e le aziende per la richiesta di autorizzazione, accessibile direttamnte da “La mia scrivania”.

Tutte le istruzioni sono disponibili nella sezione del portale istituzionale dedicata all’assistenza online per gli utenti esterni e per il personale dell’Agenzia.

STAZIONI SPERIMENTALI: VARIAZIONI ALIQUOTE CONTRIBUTIVE ANNO 2020

L’Agenzia delle Dogane applica le delibere emesse dal Ministero dello Sviluppo Economico in merito alle Stazioni Sperimentali circa le nuove aliquote contributive dell’anno 2020.

Queste interessano:

– La Stazione Sperimentale delle Pelli e delle Materie Concianti SRL (codice tributo 910), la cui aliquota raggiunge l’ 1.5 per mille;

La Stazione Sperimentale del Vetro (codice tributo 916), la cui aliquota si attesta all’1 per mille.

Aliquota invariata, salvo aggiornamenti del Ministero, per le Stazioni Sperimentali combustibili, carta cartone e pasta per carta, seta e industrie degli oli e dei grassi (codici tributo 912, 913, 914, 915) e per le Stazioni SperImentali “Conserve Alimentari” e “per le Essenze e dei derivati degli agrumi” (codici tributo 909 e 911).

Per visionare il comunicato ufficiale dell’Agenzia delle Dogane clicca qui

Controlli sui gas fluorurati. La TARIC si aggiorna

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli aggiorna la Taric tenendo conto del Regolamento (UE)  n. 517/2014 e del Regolamento d’esecuzione (UE)  n.879/2016. Lo dichiara nel comunicato stampa del 21 ottobre 2019, in cui riferisce che il sistema informatico della tariffa integrata comunitaria (TARIC) integra, sulla base delle norma UE di cui sopra, l’Opzione C oltre le già presenti A e B delle Dichiarazioni di conformità. Il provvedimento è esecutivo dal 23 ottobre 2019.

Queste norme inseriscono il commercio di apparecchiature di refrigerazione, di condizionamenti d’aria e di pompe di calore precaricate con idrofluorocarburi all’interno del sistema di quote dell’Unione e, come anticipato sopra, prevedono la compilazione della Dichiarazione di conformità nelle opzioni A, B  e C da parte dei relativi fornitori ed importatori da ora interamente disponibile nella TARIC (Opzione C, casella 44 del DAU).

Il Sistema per lo scambio delle quote di emissione dell’Ue (ETS UE) agisce secondo un sistema di limitazione e di scambio delle emissioni dei gas. Le quote cui si fa riferimento, sono dei tetti di diffusione massima che le aziende sono tenute a rispettare per non incorrere in sanzioni.